Il Cardano: la trasmissione finale.
Animazione del giunto cardanico.

Animazione del giunto cardanico.Il giunto cardanico è un organo di trasmissione tra due alberi rotanti (uno motrice ed uno condotto), il concetto di base è così semplice e valido da essere ideato già nel III secolo A.C. In campo motociclistico alcune case utilizzano il cardano come elemento di trasmissione finale e spesso quando si accostano le parole ”Cardano” e ”Moto” la mente vola subito ai marchi BMW e Moto Guzzi che hanno fatto della trasmissione cardanica un simbolo dei propri prodotti. Senza scendere in dettagliate spiegazioni ingegneristiche proviamo a capire come funziona e quali possono essere i pro ed i contro di questa soluzione. Nella specifica applicazione di trasmissione finale il cardano riceve moto dal cambio e lo trasferisce, attraverso delle coppie coniche, alla ruota posteriore. È evidente che questa soluzione è ottimale quando si ha il motore disposto longitudinalmente come per esempio la BMW serie R1200. 

Trasmissione finale a cardano BMWNel corso degli anni questa soluzione è stata interessata da un continuo sviluppo ed oggi si è raggiunto un livello che sfiora la perfezione, sia a livello tecnico che a livello di comfort. Il cardano “moderno” diventa un tutt’uno con il forcellone posteriore, svolge quindi la doppia funzione di organo di trasmissione e di elemento strutturale, e la sua adozione implica anche una particolare progettazione di tutto il retrotreno della motocicletta, sospensione compresa. Infatti sia BMW che Moto Guzzi adottano, con le dovute differenze, una sospensione posteriore a quadrilatero deformabile, denominata Paraleverdai dai tedeschi e CA.R.C. dagli italiani (acronimo di Cardano Reattivo Compatto, è un brevetto di Moto Guzzi che abbraccia tutto il blocco cardano, forcellone e sospensione). L’utilizzo della trasmissione cardanica offre dei notevoli vantaggi compensati da altrettanti svantaggi: il principale vantaggio consiste nella minore manutenzione rispetto alla classica trasmissione a catena. Il cardano infatti non richiede particolari cure o attenzioni, necessita di un cambio d’olio ad intervalli molto lunghi ed in pratica non necessita di sostituzione (a differenza del kit pignone – catena – corona) in quanto ha una vita utile paragonabile a quella della moto. Trasmissione finale a cardano Moto Guzzi Questo sicuramente rappresenta un vantaggio non da poco per chi ama coprire lunghe distanze senza l’incubo di dover ingrassare ogni 1000km la trasmissione. Un altro vantaggio è la maggiore silenziosità rispetto alla catena, infatti tutti gli ingranaggi sono “sigillati” e protetti anche da acqua e fango. Ma come anticipato, questa soluzione porta anche degli svantaggi, primo fra tutti il maggiore peso. Su moto molto prestazionali in cui si cerca di risparmiare ogni grammo possibile una soluzione del genere sarebbe improponibile. Inoltre il cardano, essendo molto più rigido della catena, ha un comportamento piuttosto ”scorbutico” e alle volte trasmette il moto in maniera piuttosto brusca, che per alcuni questo è un pro perché una volta presa dimestichezza può essere molto divertente, ma questo problema negli ultimi anni è stato quasi risolto adoperando particolari accorgimenti. Ulteriore svantaggio della trasmissione a cardano è dovuta alla cosiddetta ”coppia di rovesciamento”, c’è infatti un curioso effetto collaterale: In parole povere, durante forti accelerazioni, il pignone tende ad “arrampicarsi” sulla corona facendo ruotare il forcellone attorno all’asse della ruota e, quindi, sollevando il posteriore della moto. Questo è dovuto anche alla posizione longitudinale del motore, infatti anche la rotazione dell’albero motore in senso longitudinale contribuisce a questo effetto; è diventato uno dei segni distintivi delle moto che utilizzano il cardano, anche quest’ultimo inconveniente è stato notevolmente ridotto con gli ultimi sviluppi di tale schema di trasmissione. L’ultimo svantaggio del cardano sta nella difficoltà di modificare la rapportatura finale, infatti risulta molto difficile andare a modificare il rapporto tra i denti dei corona e pignone. Come spesso accade nel mondo delle moto non esiste una soluzione ottimale per tutti, la trasmissione a cardano offre determinati vantaggi e svantaggi, è improponibile su moto che fanno delle prestazioni il proprio punto forte ma è la soluzione migliore per moto che non badano troppo al peso e che macinano molti km…senza contare che è un segno distintivo di BMW e Moto Guzzi.

Condividi:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

X
preloader